Allarme & Consigli

L’Allarme-Meteo si articola in tre diversi livelli. La suddivisione si orienta in primo luogo in base ai potenziali danni derivanti dal maltempo e non sempre a valori soglia fissi. Il meteorologo incaricato è così in grado di tenere meglio conto dei precedenti meteorologici e della stagione (ad es. determinanti in caso di inondazioni) nell’ambito della sua valutazione. Attualemente l’Allarme-Meteo conta 172 regioni.

Per esempio 8 centimetri di neve fresca in pianura in ottobre comportano un allarme meteo giallo. Invece nei mesi invernali si tratta di un evento normale per la stagione e perciò non vengono emessi allarmi.

La suddivisione in livelli per ogni elemento avviene di regola in base ai seguenti criteri:

  • giallo (1. Livello): può causare al massimo danni di piccola entità
  • arancione (2. Livello):  si possono prevedere danni al patrimonio
  • rosso (3. Livello): si deve tener conto della possibilità di subire gravi danni, e la popolazione può anche venirsi a trovare in pericolo di vita